ANTEPRIMA(altre immagini in galleria foto) - SERATA DEL 27 OTTOBRE 2017 - I SAPORI DEL SALENTO

3.0/5 rating 1 vote

Paniscia novarese

  • Porzioni: 4
  • Difficoltà: Media
Paniscia novarese

Ingredienti:

  • Dosi per 4 persone:
  • 300 g. riso arboreo
  • 2 costole di sedano
  • 150 g. fagioli secchi (borlotti)
  • 300 g. cavolo verza bianco
  • 1 carota
  • 2 cipolle dorate
  • 2 pomodori pelati privati dai semi
  • 50 g. cotenna di maiale
  • 40 g. pancetta tesa finemente tritata
  • 20 g. di burro
  • 1 salamela fresca
  • 1/2 bicchiere di vino rosso secco
  • 1/2 bicchiere di vino rosso secco

Preparazione

Dalla stessa radice deriverebbero anche le altre varianti di questo piatto tipico: la Panissa vercellese (senza le verdure) o la Paniccia della val Sesia. Infatti sembra che le origini di questo piatto siano molto antiche addirittura prima dell'introduzione della coltivazione del riso in Piemonte (1500).

Ponete 12 ore prima della preparazione i fagioli in una terrina con dell’acqua tiepida. Scottate per 5 minuti in acqua bollente le cotenne e tagliatele a listarelle. Pulite e lavate tutte le verdure. Tagliate a pezzettini il sedano,la carota e i pomodori.

Scolate i fagioli e metteteli in una pentola capiente con tutte le verdure, tenendo da parte 1/2 cipolla; unite un paio di litri di acqua il dado di carne e le cotenne. Salate, incoperchiate il recipiente, portate ad ebollizione e lasciate cuocere a fuoco moderato per almeno 2 ore.

Tritate i salamino e la mezza cipolla rimasta, poneteli in una casseruola con il burro e la pancetta. Lasciateli rosolare a fuoco dolce per una decina di minuti. Alzate la fiamma unite il riso, fatelo insaporire rigirandolo con un cucchiaio di legno. Alla fine unite il vino e lasciatelo evaporare. Proseguite la cottura del riso, sempre mescolando ed aggiungete poco alla volta il brodo di cotture delle verdure e, verso la fine, le stesse verdure e cotiche già cotte.

Regolate di sale, pepate e togliete dal fuoco lasciando riposare un paio di minuti ( quando spegnete, la consistenza deve essere leggermente brodosa). Quindi servite in tavola la paniscia ancora fumante.

Un piatto di paniscia si può abbinare ad un vino rosso fermo di medio corpo come una barbera piemontese o un vino

Condividi la ricetta

Bevande Consigliate

  • Vino Rosso
NEW

Prossimi eventi